MOVIMENTO E GESTO MINIMO NELLA RELAZIONE D’AIUTO

MOVIMENTO E GESTO MINIMO NELLA RELAZIONE D’AIUTO

Il movimento genera la vita. Ogni gesto è un’intenzione, la volontà più grande della coscienza sapiente del tuo corpo.

Quando lavoro con le persone nei cerchi di Arteterapia ma anche nelle sessioni individuali di Counseling, tutto il lavoro che svolgo mira ad integrare le emozioni nel corpo. La sapienza delle cellule e la capacità che ha l’essere umano di riscrivere il proprio sguardo, il proprio futuro, hanno sede per me nel gesto minimo, nel movimento.

 

IL GESTO MINIMO: LA MIA VISIONE

Grazie al movimento embriologico, alla conoscenza di come la morfologia del nostro intero corpo sia generata dall’ intento della Vita, dall’ intenzionalità della coscienza di avere un corpo composto delle sue funzioni, posso RI-dare un valore creativo al tuo movimento.

È infatti il movimento a generare la vita, a dare il via alla nascita. Grazie al movimento la tua placenta organizza un corpo, il corpo che lentamente sei e al contempo abiti. In questo movimento tutto è perfetto.

 

LA PERFEZIONE COSMICA DEL CORPO

L’organo nasce prima come “bisogno”. Il tuo bisogno di essere contenuto genera la pelle, il tuo bisogno di respirare genera i polmoni. Molto dopo, il tuo bisogno di orchestrare l’intero corpo darà vita al cervello.

Ogni organo nasce per volontà del tuo bisogno di essere embrione e poi feto. Poi, ogni organo, quando sei nato, vive e abita la propria funzione. Molto dopo, mentre crescerai il bambino che sei, l’organo si rivestirà del contenuto di coscienza, annettendo emozioni, sentire, fisiologia, volontà. Ecco perchè se sei arrabbiato, deluso, triste puoi cogliere il riverbero del tuo sentire negli organi, sulla pelle, fra le pieghe della tua salute.

Nel viaggio meraviglioso della tua esistenza tutto si carica dei tuoi vissuti, dunque quando lavori su te stesso/a per essere felice, per integrare il cambiamento che desideri non puoi che lavorare sul corpo, da qui contattare l’essenza che sei. Tutta la coscienza risiede in tutto il tuo corpo.

Piccoli gesti minimi come allargare le spalle, abbassare la testa e lasciar riposare la mente, allargare di poco le gambe arrivano ad essere per me strumenti ampi quanto il panorama dell’Universo, lo stesso che è contenuto nelle nostre cellule, lo stesso che ci ha generati dopo il big-bang, integrando ogni volta, era dopo era, un grado di memoria in più (la nostra memoria acquatica ad esempio, oltre la nostra memoria di mammiferi).

 

TRASFORMA LA TUA MENTE E IL TUO CORPO ATTRAVERSO IL CORPO

Quando mi relaziono con le persone, mentre integriamo nuove scoperte relazionali emerse dalla sessione individuale di Counseling o attraverso l’Arteterapia, è mia occupazione sentire quali movimenti possono aiutare, permettere e veicolare l’integrazione di quanto di nuovo è emerso.

L’uomo e la donna che desiderano realmente cambiare sé stessi, integrare gioia, felicità e riscrivere il dolore non possono tralasciare questa visione integrata, dove il verbale e il corpo hanno la stessa importanza.

 

CAMBIAMO POCO ALLA VOLTA

Le persone spesso scelgono di non farsi aiutare, di sognare un mondo migliore e basta. Alcune sono così spaventate dal contatto o dalla relazione d’aiuto che hanno smesso di credere possibile un cambiamento.

Il cambiamento, nelle nostre vite, è possibile quando lo accogliamo poco alla volta.Il gesto minimo di una parte del corpo, la calma con cui lavoro sono ingredienti fondanti della mia pratica nella relazione d’aiuto e nei cerchi di Arteterapia.

Se ci apriamo troppo velocemente al cambiamento non avremo il tempo di integrare realmente qualcosa. Andando piano e digerendo fisicamente ogni piccolo momento di luce su noi stessi potremo invece andare molto, molto “dentro” la nostra serenità e felicità.

Se questo post ti è piaciuto sorridi, fai respiro, bevi un po’ di acqua. Le tue cellule integreranno meglio le informazioni! Se questo ti ha fatto stare bene condividilo con chi ami.

 

Sessioni individuali di Counseling: per informazioni e appuntamenti 3275304126 / giugi@giuliascandolara.com

 

Tags: