DONARSI VERA EVOLUZIONE

DONARSI VERA EVOLUZIONE

È  una giostra anche il nostro viaggio evolutivo, dove  l’ultimo corso potrebbe garantirti ciò che stai cercando… o essere l’ennesimo prodotto ben venduto. Come ci si orienta nella vasta offerta di proposte olistiche, aggiornamenti, corsi che ci promettono più autostima, più soldi, in sostanza “più”?

Ci sono alcune linee guida che a mio avviso possono aiutarti se sei alla ricerca di un operatore che ti sostenga fra crescita personale e benessere. Partiamo?

 

CERCA IL CONTATTO UMANO

Per ricevere tutte le informazioni su un corso o sulle attività tenute da un professionista (che reputi poter essere un valido alleato nella tua crescita interiore) non avere paura del contatto. Scegli di spendere del tempo per te e di contattare di persona chi propone un nuovo corso, un percorso che ti interessa. Non avere paura di chiedere, fare domande. Sentire il professionista di persona ti permette anche di comprendere se può essere la persona adatta a te. Puoi percepire se è empatico o no, se è attento ai dettagli o tendente alla vaghezza.

Iscriversi a un corso, iniziare un percorso: per questo basta poco ma dobbiamo essere sicuri/e di essere davvero tutelati/e e ben accompagnati dalla persona o dalla scuola che ci seguiranno.

 

LEGGI LA VITA FORMATIVA PER GRADI

Oggi la strategia e il nuovo incantano mentre vengono sottovalutati strumenti più normali e conosciuti. Un esempio? È molto più allettante  la sfera del mondo sottile rispetto a un “banale” riconoscere le proprie emozioni. C’è qualcosa di ancestrale che ci lega all’ occulto. Allo studio dell’occulto ci si arriva, lasciatemelo scrivere, dopo aver radicato per bene le proprie emozioni. Un passaggio non esclude l’altro ma è bene essere onesti con voi stessi. A cosa vi serve l’astrosciamanesimo se ancora non avete relazionato con la vostra rabbia? A cosa vi serve parlare con gli spiriti guida e fare  un corso di channeling se  non avete guardato in faccia le vostre paure? C’è una gradualità anche nella spiritualità. Fate in modo che essa si apra come un fiore di loto che appunto parte dal fango per arrivare alla superficie del cielo. Ricordate che non avviene mai l’inverso! Dunque prima imparate ad amare le vostre emozioni e comprendere la materia. Poi sarete davvero pronti per le proposte più sottili del mondo olistico.

 

CHIEDITI COSA DESIDERI DAVVERO

Non lasciarti abbagliare da quelle che sono le proposte degli altri. Prima di cercare il tuo operatore di riferimento prova piuttosto a focalizzare al meglio ciò di cui hai bisogno. Nessuno lo sa più di te. Si tratta solo di prendere un respiro e non farsi agganciare dalle mille proposte allettanti.  Chiediti se vuoi recuperare la tua creatività, il tuo talento, se vuoi invece fare cose che ti divertano e basta. Chiediti se per questo desideri giocare con il corpo, con la musica o con altri strumenti. Interroga te stesso per un periodo, al fine di comprendere al meglio qual è la tua esigenza. Se ad esempio senti una ferita profonda dovrai forse cercare uno psicoterapeuta, se invece senti confusione riguardo a cosa vuoi allora puoi farti aiutare da un counselor nell’orientamento stesso del tuo sentire.

 

 

LA GIUSTA PRESENZA

Nella mia carriera professionale, fatto salvo le persone che si affidano piano piano ai miei servizi, mi è capitato di incontrare due tipi di utenti. Senti se uno dei due è il tuo caso.

  • Da una parte ci sono persone totalmente assenti a sé stesse. Si fidano ciecamente del primo professionista che trovano e sperano sia questo a rimettere in asse la propria vita.

ERRATA CORRIDGE! Tu fai un percorso con un professionista ma nessuno in palestra si fa i muscoli per te. La persona che ti “guida” in base al corpo che sei, ti orienta a ciò che potrebbe essere il meglio per te. Solo tu però puoi praticare e poi verificare il lavoro di chi ti segue. Chi ti vende miracoli si prende un grande potere. Abbi cuore di non darglielo.

 

  • Dall’ altra ci sono persone che sanno esattamente cosa vogliono e anche come vogliono cambiare quel dato passaggio della propria esistenza. Non accettano minimamente di essere “guidate”. La domanda viene spontanea: perché allora si stanno rivolgendo ad un professionista? Molto probabilmente sono alla ricerca di qualcuno che gli riveli “la strategia nascosta”, quel passaggio che a loro manca per trasformare il cambiamento in realtà. In tal caso il professionista viene a tratti grossolanamente paragonato ad un idraulico: “venga a cambiarmi la guarnizione”.

ERRATA CORRIDGE! Il tuo processo di evoluzione è  (appunto) un processo che non segue quasi mai una linea retta. Forse per ottenere ciò che desideri sarà necessario vedere aspetti collaterali della tua esistenza. È  in fondo per questo che ha davvero senso scegliere un professionista… e permettergli di fare il suo lavoro.

 

Se hai ulteriori domande sull’ argomento non esitare a contattarmi per qualsiasi informazione!

Naturalmente… chiama!

 

Intanto ecco i prossimi incontri, questa volta a PRATO!

Ti ricordo che i posti sono sempre limitati e che la modalità di iscrizione è indicata in modo dettagliato sull’evento. Per qualsiasi domanda non esitare a contattarmi a giugi@giuliascandolara.com – T. 3275304126 (Giulia)

DIPINGERE L’EMOZIONE // 5 OTTOBRE 16.00-18.30 A SPAZIO INDACO

SCRIVERE, TRA CORPO E PAROLA // 6 OTTOBRE 10.00-12.30 A SPAZIO INDACO